Allison Mack, la Chloe di Smallville, è a capo di una setta segreta a sfondo sessuale

Allison Mack, la Chloe di Smallville, sarebbe a capo di una setta segreta a sfondo sessuale. È l’accusa choc nei confronti dell’attrice che interpretava l’amica del giovanissimo Clark Kent nella serie tv che è andato in onda per 10 anni dal 2001 al 2011.
Viso angelico, classica ragazza della porta accanto, avrebbe reclutato donne per farle diventare delle schiave sessuali.

Allison_Mack_d1614880c97c173fddd763969521db77L’incredibile storia è stata riportata dai media britannici e la vedrebbero come uno dei membri più importanti del culto Dos, acronimo di “dominus obsequious sororium”, ovvero “padrone delle donne schiave”.
La storia è emersa dalle testimonianze di alcune di queste donne vittime della setta che, pentite, hanno rilasciato alla celebre testata la loro dichiarazione. Il Sun ha infine lanciato l’accusa pesante nei confronti della Mack sostenendo come lei fosse stata incaricata dal fondatore della setta Keitg Raniere di reclutare circa 25 ragazze per farne loro delle schiave del sesso.
Le vittime riceverebbero addirittura un marchio a fuoco sulla pelle con le iniziali del fondatore, costrette al digiuno, all’obbedienza nei confronti del loro padrone, a sottoporsi a prove di dolore e a consegnare foto e filmati personali in pose hot. E la bionda attrice di Smallville sarebbe passata da vittima a carnefica di tali oscenità e atrocità.

Posta l’ecografia sui social e il web si scatena: “Devi abortire, è orrendo”. Ecco il perché

Mostra l’ecografia con il suo bambino sui social, ma succede qualcosa di inaspettato.
Sharni Turner, una mamma australiana ha dovuto fare una dichiarazione pubblica per mettere a tacere le voci di coloro che sostenevano che avrebbe dovuto abortire viste le sembianze demoniache del nascituro.

ecografia_27171127Come riporta anche il Sun, la donna ha postato su Twitter la foto di una sua ecografia, ma mai avrebbe immaginato quello che è poi accaduto. Sul web si sono scatenati i commenti di chi ha iniziato a sostenere che il bambino era figlio del demonio e che in realtà avrebbe dovuto interrompere la gravidanza per il suo bene e anche quello della creatura che aveva nella pancia.
Commenti choc e piuttosto violenti che sono andati ben oltre l’ironia che la stessa donna aveva fatto trapelare nel commento alla foto: «La foto frontale del mio bambino è la cosa più terrificante che abbia mai visto». Dopo però molti si sono permessi di dirle di abortire, diventando anche piuttosto offensivi. La futura mamma ha così replicato dicendo che non ha alcuna intenzione di interrompere la gravidanza e quello mostrato è un effetto dell’ecografia, e che il bimbo non solo sta benissimo, ma non ha nulla di demoniaco.

Loredana Lecciso contro Romina Power: “Al Bano ama me”

Romina Power qualche giorno fa ha detto: “Al Bano mi ama ancora e io amo Al Bano”. Una dichiarazione nello studio di Silvia Toffanin che ha fatto tremare i muri a Cellino San Marco, dove il cantante pugliese ha voluto subito precisare: “Con Romina è finita”. Ora è il settimanale Chi a tradurre i silenzi di Loredana Lecciso: “Romina fattene una ragione, Al Bano è mio”.

C_2_articolo_3100041_upiImageppQualche tempo prima sulle pagine di Spy Loredana aveva rilasciato dichiarazioni che sembravano anticipare il clamore mediatico delle affermazioni della Power. La Lecciso aveva parlato di “fake news” che ciclicamente investono il suo rapporto con Al Bano e aveva concluso: “Rispetto il passato, ma vivo il presente. E il mio presente è accanto al mio uomo”.
Del resto Albano Carrisi, 74 anni, e Loredana Lecciso, 45, vivono insieme dal 2001 e hanno avuto due figli. Lo stesso Al Bano ha chiarito: “Su questo senso di famiglia io e Loredana siamo identici”.

Chiara Ferragni e Fedez, a nudo per il primo anniversario dʼamore

Un anno d’amore per Chiara Ferragni e Fedez che festeggiano a Parigi il loro primo anniversario proprio nella città in cui hanno iniziato a frequentarsi. E mentre lui scherza girando video con gli amici e dicendo: “Per il nostro anniversario ho deciso di portarti a cena, una cena intima”, lei mostra piccoli accenni di rotondità. Insieme sfoggiano selfie mezzi nudi che piacciono ai follower.

C_2_articolo_3098300_upiImageppE’ trascorso un anno da loro primo appuntamento parigino e da allora abbiamo visto fiumi di fotografie paparazzate, postate, di coppia. Lui segue lei e lei segue lui, in giro per il mondo, dagli appuntamenti della monda a quelli della musica, con un unico filo conduttore: l’amore che li ha fatti incontrare, conoscere, innamorare. La scorsa primavera la dichiarazione sul palco dell’Arena di Verona: quando Fedez si è inginocchiato davanti alla Ferragni chiedendole la mano. Dalla proposta alle nozze passerà ancora qualche mese, ma intanto la blogger e il rapper bruciano le tappe: sembra che lei sia incinta. Lui lo ha annunciato con un messaggio sibillino sui social, salvo poi ritrattare in tv con tono scherzoso, lasciando il dubbio ai fan. Lei sorride ma non smentisce né conferma. I flash sono puntati sul pancino di Chiara. Intanto la Ferragni e Fedez si spogliano e festeggiano il loro primo anniversario a Parigi avvinghiati l’uno all’altra. “Riflessi” scrive il rapper. “Tutto quello di cui ho bisogno a Parigi” è la didascalia della blogger.

Nina Moric choc, prende il porto d’armi e minaccia: “Ladri vi aspetto a casa dopo le 22”

ROMA – Nina Moric torna a provocare e questa volta lo fa con una dichiarazione choc. La modella croata ha postato un video su Facebook in cui è ritratta mentre si allena al poligono per prendere il porto d’armi.

2515441_2140_ninamoric

Nina, da poco tra le fila di CasaPound, commenta sul social: “Ladri vi aspetto a casa dopo le 22”. Facendo riferimento alla legge approvata lo scorso maggio alla Camera che legittimerebbe la possibilità di sparare in reazione a un’aggressione commessa di notte in casa, in negozio o in ufficio, purché ci siano proporzione tra difesa e offesa e l’attualità del pericolo.
Inevitabile, esplode la polemica social. In tanti attaccano la modella: “Nina lo sai che per sparare c*** non serve il porto d’armi?”

Gigi D’Alessio verso il processo: evasione fiscale da 6 milioni

Un’evasione fiscale milionaria porta il cantante Gigi D’Alessio a un passo dal banco degli imputati. Il pm Saverio Francesco Musolino ha infatti firmato una richiesta di rinvio a giudizio a carico dell’artista che, insieme ad altre quattro persone, rischia ora di finire a processo. Per la procura, D’Alessio e soci non avrebbero dichiarato i redditi di una società del cantante, la “GGD Productions srl”, occultando o distruggendo le scritture contabili relative all’anno 2010. Il fatturato “nascosto” sarebbe pari a più di 6 milioni. L’evasione contestata dagli inquirenti, invece, ammonterebbe a 997mila e 581 euro per quanto riguarda l’Ires e 770mila e 613 euro in relazione all’Iva.

foto_571145_550x340

Nel capo d’imputazione notificato nei giorni scorsi al musicista, si legge che, in concorso con altre quattro persone, il cantante «al fine di consentire alla società “GGD Productions srl” di evadere le imposte sui redditi e sul valore aggiunto» avrebbe «alienato con atto notarile del 21 aprile 2010» le quote dell’azienda a un prestanome che, con un atto successivo, «alienava simulatamente tali partecipazioni a una società di diritto americano con sede in Delawere, cui apparentementemente veniva consegnata la documentazione contabile e amministrativa». Per il pm Musolino e per i finanzieri del Nucleo tutela entrate, in questo modo, le «scritture» sarebbero state «distrutte o comunque occultate». Il tutto per non consentire la ricostruzione del volume d’affari della società. L’azienda avrebbe così evitato di denunciare redditi per più di 6 milioni, presentando un’infedele dichiarazione fiscale.
Uno dei soci del cantante è anche accusato di simulazione di reato. In una denuncia presentata ai carabinieri il 17 marzo 2014, infatti, ha dichiarato che i documenti contabili della società erano all’interno di una macchina che gli era appena stata rubata. Per la procura, si tratterebbe di una menzogna. Ora, la decisione passa nelle mani del gup.

Gigi Hadid, il dramma: “Sto male, faccio i conti ogni giorno con la mia malattia”

« Ho la tiroide di Hashimoto, un disturbo della tiroide. Ormai sono due anni che devo fare i conti con questa malattia e per questo cerco di allenarmi in maniera giusta in modo da non perdere troppo peso e avere tutti i muscoli al posto giusto». Questa è stata la dichiarazione choc di Gigi Hadid: la fidanzata di Zayn Malik, ex cantante degli One Direction, e sorella della nota modella Bella.

gigi-hadid-4-673333
Ad  Elle America ha confessato: «Il mio metabolismo è cambiato in modo assurdo nell’ultimo anno». La tiroide di Hashimoto  è un problema del sistema immunitario che attacca cellule e organi del suo stesso organismo. Questo disturbo porta a rallentare le funzioni della tiroide e del metabolismo e può manifestarsi in diversi modi: dalla fragilità di capelli, alla perdita di peli, dall’irregolarità nelle mestruazioni a stati di ansia e depressione.

Marina Abramovic choc: “Ho abortito 3 volte per lavoro, i figli uccidono l’arte”

Regina delle provocazioni Marina Abramovic fa una dichiarazione che ha suscitato già moltissime polemiche. L’artista ha dichiarato al giornale tedesco Tagesspiegel di aver abortito ben 3 volte per amore del suo lavoro, di aver rinunciato a diventare madre per seguire l’arte.

art-must-be-beautiful

«Conciliare una famiglia con la carriera di artista sarebbe stato impossibile», spiega serenamente, «e alla soglia dei settant’anni sono felice di essere libera». Dopo il divorzio dal suo secondo marito Marina ha deciso di continuare a rimanere nel suo status di “donna libera” e poi continua: «I figli buttano fuori dall’arte e diventare madre sarebbe stato un disastro». Sono parole forti quelle della performer serba che però ha già dimostrato in passato di non avere paura di esporsi e di dire o rappresentare quello che le passa per la testa anche se a volte può risultare essere piuttosto estremo.

Tutti i redditi di governo, deputati e senatori: Brunetta ‘paperone’, Boschi ministro più povero

È Maria Elena Boschi il ministro del governo Renzi che guadagna di meno: 96.568 euro nella dichiarazione 2015 (consultabile on line) relativa all’anno fiscale 2014. Il più ‘riccò, invece, tra i ministro è il titolare dell’Ambiente Gian Luca Galletti: 126.119 euro. I redditi dell’esecutivo, a partire da quello del premier Matteo Renzi (imponibile di 107.960 euro) sono rimasti sostanzialmente gli stessi nell’ultimo anno.Tra i più facoltosi e sopra la soglia dei 100mila euro, Giuliano Poletti (122.886 euro), Enrico Costa (116.665), Angelino Alfano (116.276 euro), Dario Franceschini (111.308), Paolo Gentiloni (101.715 euro), Federica Guidi (109.216 euro). Tutti gli altri sono (di un soffio) sotto la soglia dei 100mila (Roberta Pinotti 99.891, Andrea Orlando 98.478, Pier Carlo Padoan 99.427, Graziano Delrio 98.726, Stefania Giannini 96.699, Beatrice Lorenzin 98.471).

1407846067406.jpg--

 
Tra le pochissime variazioni fatte registrare dai ministri, l’auto nuova della Giannini (una Mercedes 220), mentre il sottosegretario alla presidenza Claudio De Vincenti ha rottamato una Fiat Punto. Anche in casa Renzi novità nel parco auto, la moglie Agnese ha cambiato la vecchia Saharan con una Touran, sempre Vw.
CAMERA Il presidente dei deputati di Forza Italia Renato Brunetta risulta il più ricco, fra i suoi colleghi presidenti di gruppo di Montecitorio, con un reddito imponibile dichiarato nel 2015 per l’anno 2014 di 226.248 euro. In base alla documentazione disponibile sul sito della Camera, al secondo posto c’è Giovanni Monchiero (Scelta civica, 203.035 euro), mentre la ‘medaglia di bronzò va a Pino Pisicchio (Gruppo Misto, 194.541).Sostanzialmente ‘ex aequò i capigruppo Arturo Scotto (Si, 98.476), Federico D’Incà (M5S), Massimiliano Fedriga (Lega), e Maurizio Lupi con 98.471 euro. Seguono il presidente dei deputati Fdi Fabio Rampelli (97.271) e di Democrazia solidale, Lorenzo Dellai (93.441). Chiude la lista, il capogruppo Pd Ettore Rosato, con 90.949 euro.
SENATO: ZELLER IL PIU’ RICCO Fra i presidenti del gruppo parlamentare, Karl Zeller (Autonomie) batte i colleghi nella speciale ‘classificà dei capigruppo più ricchi di palazzo Madama, attestandosi, secondo la dichiarazione del 2015 relativa all’anno precedente, su 450.150 euro. Il più povero è il presidente del gruppo Grandi autonomie e libertà, Mario Ferrara, con 80.648 euro. Tra i due estremi, in ordine decrescente di reddito: Paolo Romani (Fi, 162.021 euro), Luigi Zanda (Pd, 141.204), Loredana De Petris (Misto-Sel, 139.150), Cinzia Bonfrisco (Conservatori e riformisti, 126.373), Lucio Barani (Ala, 116.823), Gian Marco Centinaio (Lega, 98.468), Nunzia Catalfo (M55, 97.806), Renato Schifani (Ap, 96.771).
GRASSO PIU’ RICCO DELLA BOLDRINI Pietro Grasso è più «ricco» di Laura Boldrini, che guadagna quasi tre volte di meno. È quanto emerge dalle dichiarazioni dei redditi dei Parlamentari e di tutti i membri del governo, anche di quanti non sono deputati o senatori, che da oggi sono on line sui siti di Camera e Senato. Il presidente del Senato Pietro Grasso ha avuto un reddito complessivo di 354.487, mentre la presidente della Camera Laura Boldrini di 138.486. Matteo Renzi è solo terzo in questa classifica. Il suo reddito 2014, il primo da presidente del Consiglio, è stato di 110.161 euro. Il reddito del premier risulta leggermente inferiore anche a quelli dei vicepresidenti della Camera. Roberto Giachetti, Simone Baldelli e Marina Sereni hanno infatti un reddito intorno ai 135 mila euro. Solo il vicepresidente 5 Stelle Luigi Di Maio denuncia meno anche di Renzi: 98.471 euro. Al Senato tra i vicepresidenti svetta Linda Lanzillotta con un reddito complessivo di 336.442 euro, non molto inferiore a quello di Grasso. Il più ‘poverò risulta Maurizio Gasparri, con 129.516 euro di reddito complessivo contro i 140.049 di Roberto Calderoli e i 185.672 euro di Valeria Fedeli. Tutti comunque redditi superiori a quello del premier.