Vladmir Luxuria insultata dalla truccatrice Rai: i provvedimenti presi

Vladimir Luxuria è stata ospite del programma tv ‘Quelle brave ragazze’, ma prima di entare in studio è stata la protagonista di una disavventura all’interno della sala trucco. Insultata pesantemente da una truccatrice, la conduttrice Veronica Maya le ha chiesto immediatamente scusa per le offese ricevute.

vladimir-luxuria-insultata-da-una-truccatrice-rai_2032625Ecco cosa è accaduto dietro le quinte della trasmissione
A raccontarlo è stata direttamente lei, in un video pubblicato sul suo profilo Facebook, spiegando di come tutto sia successo nella sala trucco della trasmissione condotta Arianna Ciampoli, Valeria Graci, Mariolina Simone e Veronica Maya.

“In questa sala – ha raccontato Vladimir – c’è uno specchio divisorio che separa delle postazioni trucco e chi stava dietro lo specchio non mi vedeva. C’era una truccatrice che non sapeva che fossi lì e, letto l’elenco degli ospiti, appena ha visto che c’ero anche io ha cominciato a dire a voce alta: ‘Oddio, ce sta pure Luxuria, quella che se crede donna, quella che vuole rappresenta’ le donne. Ao, io mica me posso sentì rappresentata da sto frocione?’”
A Quelle Brave Ragazze Vladimir Luxuria insultata pesantemente: arrivano le scuse della RAI
Parole dure senza alcun dubbio, alle quali la stessa ex parlamentare ha voluto rispondere: “sono andata dietro lo specchio e le ho detto: ‘signora, lei non si può permettere di usare questo tipo di linguaggio nei confronti di una persona che è stata invitata dall’azienda RAI, che in questo momento anche lei rappresenta e che è qui per partecipare a una trasmissione e non per essere insultata’. Lei ha negato tutto”.

A chiedere scusa a Vladimir ci ha pensato Veronica Maya, rimasta sbigottita come lei. Nel video, però, Luxuria ha lanciato un appello alla tv di stato affinché “nessuno possa essere insultato per via della sua razza, religione, orientamento sessuale e identità di genere”.

La risposta di Viale Mazzini non si è fatta attendere. Con un comunicato stampa la RAI ha presentato “le proprie scuse formali per l’inaccettabile episodio”. Ha inoltre reso noto che al suo interno esiste un Codice Etico a riguardo. Inoltre, è stata immediatamente aperta un’indagine interna per accertare le responsabilità. Sperando che episodi del genere non si ripetano…

Cecilia Rodriguez choc: «Se non fossi stata al Grande Fratello, avrei riprovato con Francesco Monte»

Dopo la presunta disavventura con il permesso di soggiorno, per Cecilia Rodriguez sembra tornato il sereno. E in un’intervista pubblicata sul Quotidiano.net, la sorellina di Belen si racconta a cuore aperto. Parlando anche di una questione che l’ha tenuta per settimane alla ribalta delle cronache rosa: la rottura con Francesco Monte e l’amore con Ignazio Moser.

cecilia_senza_gf_avrei_riprovato_con_monte_12211802«Quando andiamo in giro – racconta nell’intervista la modella argentina – Ignazio ogni tanto mi chiede: ‘Ma anche prima ti fermavano così spesso? ‘. La partecipazione al Grande Fratello ha cambiato la mia esistenza. Dentro la Casa non puoi confidarti con nessuno, non hai parenti o amici con cui scambiare un’ opinione. Sei da sola, e da sola devi prendere ogni decisione. Quello che dicevo veniva ripreso dalle telecamere e non volevo far uscire niente davanti a milioni di spettatori. Pensavo di risolvere la situazione a casa mia, una volta uscita, ma è stato impossibile. Per 27 anni mi sono sempre comportata in modo da non dispiacere o offendere nessuno, invece lì ho preso una decisione se vogliamo egoistica, cioè di pensare a me stessa, a quello che volevo davvero. Forse ho sbagliato il modo e il contesto, ma questo ero quello che volevo. Probabilmente se tutto fosse accaduto fuori dal Grande Fratello non sarebbe successo niente, perché comunque si cerca di recuperare, ci si confronta, si discute».
Insomma, Cecilia non avrebbe voluto risolvere i suoi problemi sentimentali davanti a tutta l’Italia, ma la passione sarebbe stata troppo forte. «Ho cercato – conclude – di resistere per quaranta giorni in tutti i modi, non mi sembrava giusto risolvere la cosa senza parlare con il mio fidanzato». Ma alla fine non ce l’avrebbe fatta. Il resto è storia.

Ivanka Trump, brutta disavventura in volo con il marito

Brutta disavventura in volo per Ivanka Trump e Jared Kushner, costretti a tornare alla base per un motore fuori uso dell’elicottero. La Cnn riferisce che è accaduto giovedì scorso.

ivanka-trump-1521464304Poco dopo il decollo da Washington, l’elicottero su cui viaggiavano i coniugi ha avuto un problema ad uno dei due motori. Il velivolo, diretto a New York e destinato ad atterrare a Manhattan, ha dovuto far rientro nella capitale ed è atterrato al Ronald Reagan National Airport.

Ivanka e il marito, a quel punto, hanno dovuto far ricorso ad un volo commerciale. Secondo il sito specializzato LiveATC.net, l’elicottero in questione appartiene alla Trump Organization.

La cantante Tosca racconta su Facebook la sua disavventura e la ricoprono di insulti

«Pensavo di fare un servizio segnalando un malcostume e mi sono ritrovata sommersa da insulti pubblici e privati». Titti Donati
«Amici, un messaggio lungo ma vi prego di leggere fino in fondo perché quello che mi è capitato è assurdo e potrebbe esservi molto utile». Il post su fb di Titti Donati, in arte Tosca, è la cronaca di una notte delirante tra multe e carroattrezzi. Finiscono male, la notte e il post. I fatti, in breve.

Tosca-cantanteIl 30 luglio a mezzanotte e quaranta a Trastevere viene rimossa l’auto della cantante, «è parcheggiata sul marciapiede», ammette lei. I vigili sono ancora lì, le dicono dove è stata portata. «Se vado subito la trovo?». Sì, è la risposta. Il deposito è dalle parti dell’Ostiense.
Verso l’una Tosca è lì, ma la sua macchina no. «Signo’, sta a arriva’». L’una e trenta, niente. Al deposito c’è la fila, una signora infuriata perché non trova l’auto chiama i carabinieri. «Signo’, sta a arriva’». Le due. Qualcuno la riconosce. Le due e trenta. «Signo’, sta a arriva’».
Alle due e quaranta finalmente la macchina. La cantante va a pagare, controlla il verbale. C’è qualcosa che non torna con gli orari: sia quello della multa che della rimozione sono posticipati. All’una meno dieci l’auto non c’era più da un bel po’ di minuti. Perché indicare orari sbagliati?, si chiede la cantante. E come mai ci mettono così tanto per portare le macchine in deposito? C’è da farsi qualche domanda, a voler essere buoni. Il post ha tante condivisioni, ma il primo agosto sparisce. «Ho deciso di non renderlo più visibile per porre fine a questo “vomitatoio”. Mi sono trovata sommersa da insulti per aver parcheggiato male….chi ti credi di essere… ti vuoi fare pubblicità…per colpa di quelli come te l’Italia va a rotoli…..». Non le resta da chiedersi qual è stato il prezzo più alto pagato: la multa o le offese.

Kim Kardashian, la prima foto sui social dopo la rapina a Parigi

Kim Kardashian torna sui social con nuovi scatti per tranquillizzare i fan dopo la disavventura di un mese fa a Parigi.

14937250_10157747564570613_3846811954322468065_n

In Vestaglia con gambe in mostra e cellulare in mano, appare rilassata, ma sempre glamour.
La 36enne è tornata attiva su Facebook e come sempre quando si tratta di lei, lo scatto è subito rimbalzato su tutti i siti. La didascalia recita “Tempi morti”.

Icardi, panchina e disavventura: rapinato nel centro di Milano. “Minacciato con la pistola”

Momento difficile per l’attaccante dell’Inter Mauro Icardi. Ieri è rimasto in panchina a guardare i compagni di squadra vincere contro il Genoa e dopo la partita è stato derubato di fronte ad un ristorante nel centro di Milano.«I rapinatori – come rende noto l’Inter – gli hanno portato via l’orologio e il giocatore è incolume.

20151206_01-00299919000017h

Il club e Icardi stanno cooperando con la polizia e con le autorità per quanto concerne l’accaduto. L’Inter dà il suo sostegno e supporto a Mauro e alla famiglia in questo momento». È accaduto poco dopo mezzanotte in viale Elvezia, subito dopo che il calciatore aveva parcheggiato l’auto. Due uomini, con il volto coperto da caschi integrali, uno dei quali armato di pistola, lo hanno minacciato facendosi consegnare l’orologio di marca.