Caterina Balivo, il gesto in diretta per Marco Carta spiazza tutti a Vieni da me

Su Leggo.it le ultime novità. Marco Carta assolto, il gesto di Caterina Balivo a Vieni da me spiazza tutti. Oggi, nel giorno della sentenza per il furto delle magliette alla Rinascente – per il quale il cantante sardo è stato assolto – la conduttrice di Rai1 ha compiuto due gesti che riguardavano proprio Marco Carta.

caterinabalivo_marcocarta_assoluzione_vienidame_31184107

Primo gesto. Durante l’intervista con le domande al buio a Michele Cucuzza, sul led è apparsa una domanda singolare «Mai mai rubato qualcosa?». Il giornalista è rimasto di sasso e ha detto di non aver mai rubato niente. Caterina Balivo ridendo ha chiesto agli autori: «Ma perché questa domanda? Perché oggi c’è il processo di Marco Carta?».

Secondo gesto. Duranta la puntata, poi, arriva in diretta la notizia dell’assoluzione. Caterina Balivo la fa leggere all’influencer Lorenzo Farina e poi commenta: «Marco facciamo il tifo per te». Proprio la conduttrice campana era stata la prima a difendere il cantante dagli insulti, subito dopo la notizia del furto. Oggi il messaggio in diretta.

Marco Carta, lʼarresto in mezzo ai fan che chiedevano selfie | Chi è la fan/amica che era con lui

Ci sono ancora dettagli da scoprire nell’arresto di Marco Carta, avvenuto venerdì sera a Milano. Un arresto, secondo quanto riporta il “Messaggero”, ostacolato involontariamente dai fan che, mentre il cantante veniva fermato dalla polizia municipale, si accalcavano attorno a lui per chiedere selfie e autografi. Insieme a Carta c’era Fabiana Muscas, infermiera 53enne di Cagliari, giunta a Milano proprio venerdì per trovare il suo amico Marco.

C_2_articolo_3212424_upiFoto1F

E’ il “Corriere della Sera” a raccontare chi sia l’accompagnatrice del cantante, individuata come l’esecutrice materiale del furto, tanto che per lei, a differenza di quanto avvenuto per Carta, è stato convalidato l’arresto. Infermiera professionale, è da anni una fan accanita del cantante sardo, con il quale ha sviluppato un’amicizia diretta dopo la vittoria al Festival di Sanremo, nel 2009. Pare che di recente avesse manifestato ai colleghi l’intenzione di andarsene a vivere altrove, tanto che ha partecipato alla selezione per un posto nell’Azienda ospedaliera universitaria Sant’Andrea di Roma.

Con quelli che sono riusciti a parlare con lei, la donna continua a professarsi innocente, ma le sei magliette trovate nella sua borsa la mettono in un posizione complicata. Tanto più che, secondo la ricostruzione del “Messaggero”, quando la polizia ha trovato le magliette e il cacciavite usati per togliere le placchette antitaccheggio, Carta si sarebbe difeso dando la colpa alla donna: “E’ stata lei – avrebbe detto -, è tutto nella sua borsa, io non ho fatto nulla, non ho rubato”. Proprio il fatto di non essere in possesso delle magliette al momento del fermo ha salvato il cantante, che sarà processato il 20 settembre, in virtù di una sentenza della Cassazione del 2016 sulla detenzione della refurtiva.

Marco Carta arrestato per furto aggravato alla Rinascente di Milano: rubate magliette per 1.200 euro

Per i due è stata prevista la custodia presso il proprio domicilio, mentre oggi si terrà il processo per direttissima. Dagli indumenti era stato tolto l’antitaccheggio, ma il cantante Carta e la donna non avevano staccato la targhetta flessibile che ha suonato all’uscita. L’addetto alla sicurezza li ha quindi fermati e ha provveduto a chiamare gli agenti dell’Unità Reati Predatori.

L’ultima sua story su Instagram è proprio di ieri e proprio da piazza Duomo, nel cuore di Milano. «Pattinaggio alternativo», recita la didascalia mentre nel video si vede una bambina scivolare sul pavimento, trascinata dalla madre. Una story ironica, fatta poco prima di venire arrestato.

4530367_1155_marco_carta_arrestato_milano

Il 21 maggio, giorno del suo compleanno, era stato ospite in Rai, a Vieni da me, condotto da Caterina Balivo. «Un compleanno indimenticabile! Grazie a @caterinabalivo @vienidamerai e @rai1official quest’anno siamo stati tanto insieme perché ci siamo sentiti come una famiglia. Grazie a tutti per gli auguri di compleanno, grazie a tutti i miei amici e grazie al mio amore», aveva scritto su facebook.

La notizia dell’arresto è uno choc per i tanti fan del cantante scoperto da Amici di Maria De Filippi. La storia è diventata in pochi minuti top trend sui social, tra l’incredulità di molti che hanno pensato si trattasse di una fake news.